Connect with us
MVP Ad

IDROSCALO Mostra ROSSO CORSA

Photo: Shutterstock

Style

IDROSCALO Mostra ROSSO CORSA

Il piccolo grande museo dedicato all’alta velocità è all’Idroscalo di Desenzano.

All’Idroscalo di Desenzano la mostra dedicata al mitico Reparto Alta Velocità, realizzata dall’Associazione Arma Aeronautica di Desenzano, in collaborazione con il Comitato Idroscalo di Desenzano. Allestita proprio nell’Hangar che ospitò i mitici “idrocorsa”, all’ingresso sulla parete destra, troverete una grande foto aerea che mostra una vista dall’alto dell’idroscalo negli anni 20, in questo modo lo spettatore ha un’idea di come fosse la base aerea di allora, a sinistra la bandiera italiana con lo stemma della Regia Aeronautica. Appena dentro ci si trova di fronte ad una suggestiva gigantografia che mostra gli “idrocorsa” sistemati proprio in questo hangar nel 1929, un vero e proprio tuffo nel glorioso passato della storia aeronautica. Potrete ammirare molte fotografie che mostrano il primo periodo bellico dell’idroscalo con gli idrovolanti FBA, oggetti personali di un pilota desenzanese, il Sottotenente Cristoforo Manenti, che operò in quel periodo proprio con gli FBA. Troverete anche una parte multimediale con un proiettore che mostra filmati d’epoca, con le immagini delle attività della Scuola di Alta Velocità e ancora il volo mitico di Agello con il Macchi MC 72 alla conquista dei record di Velocità. In mostra fotografie del Fiat C29 , del macchi M57 e del Macchi MC 72; immagini dei meccanici e del personale di volo impegnati nella preparazione dei velivoli. Ancora ben conservati, in tre vetrine orizzontali, il giubbino, gli occhiali, i calzari e la cuffia che Francesco Agello utilizzò il giorno del record di velocità (Gentilmente concessi dalla Sig.ra Giulia Polenghi Duse ) . Potrete osservare gli oggetti di un altro grande pilota Tommaso Dal Molin, il cinturone, il salvagente, la cloche e l’elica ritorta del suo idrovolante il SIA15 65 con il quale perse la vita nel 1929; nella teca a fianco anche la sua uniforme completa dell’aquila con la V rossa (materiale gentilmente prestato dall’associazione Frecce Tricolori di Vicenza) . Potrete vedere i volti di questi nostri giovani e coraggiosi piloti come Mario De Bernardi, grandissimo pilota che vinse la Coppa Schneider del 1926 e fu il primo pilota al mondo a superare la velocità di 500 km/h. Notevole il bel modello di 2,2 metri di apertura alare del Macchi MC 72 che subito ci da un’idea di come fossero gli “idrocorsa” di allora. Fra le curiosità le suggestive immagini del ritrovamento sul fondale del lago di Garda dell’idrovolante FIAT C29 con il quale Francesco Agello ebbe un incidente dal quale uscì fortunatamente indenne, immagini realizzate dai Volontari del Garda della Sezione sommozzatori. Un’area importante è riservata ai progettisti ed ai loro disegni, con Mario Castoldì, l’ingegnere che progettò gli idrovolanti della Macchi. Altri preziosi disegni sono dell’ing.Tranquillo Zerbi, tra cui i progetti dei suoi motori d’aviazione della serie AS ad alte prestazioni che permisero di conquistare vari record. Degna di nota la collezione di disegni, fotografie, lettere di Gabriele d’Annunzio, poeta e grande patriota dell’epoca, cultore del mito del “superuomo”. Proprio i giovani piloti della RAV come lui, il Vate, incarnavano il mito di Nietzsche. Vi è poi una collezione di libri, medaglie, brevetti, libretti di volo riviste, manuali e perfino i tre brevetti con la V Rossa del Capitano Osvaldo Baldi. Conclude la mostra una pregevole raccolta di uniformi d’epoca che vi riporterà indietro nel tempo e vi sembrerà di vedere piloti, ufficiali, sottufficiali, meccanici del Reparto Alta Velocità all’opera. Insomma una mostra interessante da non perdere fortemete voluta e sostenuta dall’Aeronautica e dall’Amministrazione desenzanese. Un plauso va all’Associazione Arma Aeronautica di Desenzano ed al Comitato Idroscalo che conserva e accudisce tanto valore e tanta storia affinchè, anche le generazioni future, non dimentichino che ci fu un tempo in cui eravamo gli uomini più veloci del mondo.

L’Associazione sta ricostruendo in scala 1:1 il mitico Aereo dei Record, non possiamo svelarvi nulla ma presto potremo vederlo all’interno del suo Hangar all’Idroscalo.

Per maggiori informazioni: idroscalodesenzo@gmail.com tagliaurelio@gmail.com – todescotiziano@hotmail.it

More in Style

Advertisement

Trending

Advertisement
Advertisement
MVP Ad
To Top